Bilancio partecipativo: superati i 10.000 voti

I 40 progetti proposti dai cittadini attraverso un percorso partecipato si possono votare fino al 29 novembre

Milano, 19 novembre 2015 –  Supera la soglia dei 10.000 votanti nella prima settimana di voto il Bilancio Partecipativo “Conto, Partecipo, Scelgo” , iniziativa che assegna nove milioni di euro del bilancio del Comune ai progetti proposti dai cittadini attraverso un percorso partecipato.

L’interesse rispetto ai progetti è molto alto ed è testimoniato dal fatto che in una settimana il sito del Bilancio Partecipativo  ha registrato 33.000 accessi.

Quanto a voti, sono le Zone 1, 2 e 3 quelle che raccolgono il maggior numero di voti sul totale dei progetti di ciascuna zona. A metà classifica si posizionano le Zone 4, 5, 6 e 7. Un po’ più a distanza le Zone 8 e 9.

“I dati di voto per questi primi giorni sono molto positivi – hanno commentato il vicesindaco Francesca Balzani e l’assessore ai Lavori pubblici e Arredo urbano Carmela Rozza – e ci confermano l’interesse dei cittadini per questa iniziativa. Diecimila persone in pochi giorni è una dato che va certamente oltre le nostre previsioni e che conferma Milano quale città capofila nelle politiche per la partecipazione. E’ un anche un ottimo segnale che evidenzia il senso civico diffuso nei milanesi. Invitiamo tutti a votare, c’è tempo fino al 29 novembre, e contribuire così a dare più forza a questa importante sperimentazione”

Si può votare fino a domenica 29 novembre, via computer e smartphone, attraverso il sito www.bilanciopartecipativomilano.it.

Basta avere 14 anni e abitare, studiare o lavorare a Milano.

Per facilitare chi non ha l’accesso al web si può votare anche con l’assistenza di un operatore in diversi luoghi in città tra cui molte sedi di ACLI milanesi e ARCI Milano.

Per sapere dove votare si può telefonare ai numeri 02/46764283 – 02/46764310

Nelle giornate di 21 e di sabato 28, inoltre, sarà possibile votare anche nelle  principali biblioteche di Zona (Sormani, Crescenzago, Valvassori Peroni, Oglio, Tibaldi, Sant’Ambrogio, Baggio, Quarto Oggiaro, Affori).

Il voto conclude un lungo percorso di partecipazione iniziato a giugno scorso e sviluppatosi con 60 incontri nei quartieri  per ascoltare le richieste e i bisogni delle persone, un grande laboratorio con   350 giovani  dai 14 a i 22 anni e 9 Laboratori di co-progettazione , gruppi di lavoro a cui hanno partecipato 210 cittadini  i quali, con il supporto dei tecnici comunali, hanno sintetizzato le richieste fino ad arrivare ad individuare 40 progetti che riguardano principalmente la rigenerazione degli spazi pubblici e delle aree verdi, la mobilità dolce e l’accessibilità, la viabilità, la creazione di luoghi d’incontro, le scuole e la sicurezza urbana.

Al completamento della fase di voto i progetti selezionati fino a esaurimento di 1 milione di euro per Zona saranno presi in carico dal Comune per avviarli alla realizzazione.

Gli interventi infrastrutturali più semplici , di importo inferiore ai 100.000 euro, potranno essere già progettati e realizzati entro il 2016 . Mentre i progetti più complessi rientreranno nel processo di bilancio 2016-2018  e dovranno essere sottoposti a una fase di progettazione tecnica e di definizione del dettaglio degli investimenti per poter attuare le procedure di gara pubblica e eseguire quindi gli interventi.